Stitichezza: 3 Rimedi Naturali per la Stipsi

https://www.youtube.com/watch?v=Sb885jVdAmY

VIDEO GRATUITI SULLA DISINTOSSICAZIONE INTESTINALE + RIMEDIO DA APPLICARE SUBITO
http://simonaoberhammer.com/ad/disintossicazione-intestinale-3-video-gratuiti/?utm_source=yt-stitic&utm_medium=link&utm_campaign=dis-int

DISINTOSSICAZIONE INTESTINALE
http://simonaoberhammer.com/eventi/disintossicazione-intestinale/?utm_source=yt-stitic&utm_medium=link&utm_campaign=dis-int

Simona Oberhammer
Naturopata e Autrice di Best seller sulla salute

Disclaimer
https://www.simonaoberhammer.com/legislativo/disclaimer/

Trascrizione del video per non udenti

Ciao, sono Simona Oberhammer. Benvenuti a questa puntata speciale di Naturalmente sani news, la mia rubrica che ogni lunedì ti racconta le ultime novità per uno stile di vita sano e naturale. Oggi parliamo di stitichezza, di tre rimedi per combattere questo disturbo, un disturbo che è davvero fastidioso.

La stitichezza è un disturbo che porta non solo a non avere delle evacuazioni per dei giorni, quindi magari avere l’evacuazione un giorno, poi per uno, due o tre giorni a non avere l’evacuazione, ma tante volte anche ad avere, come  mi raccontano spesso le persone, delle evacuazioni incomplete, quindi a non sentire mai che il corpo è completamente libero dalle scorie che si sentono all’interno, quelle scorie che danno fastidio quando si sentono all’interno. C’è la sensazione di pressione addominale o anche di peso addominale. Quindi è una sensazione che si accompagna nelle attività quotidiane della giornata e che non fa vivere come invece dovremmo vivere con un senso di leggerezza e di percezione, che il nostro corpo è libero dalle scorie.

L’uso delle fibre

Iniziamo subito con il primo consiglio, che è uno di quelli che io do alle persone che si rivolgono a me per risolvere questo disturbo e riguarda l’uso delle fibre. Di sicuro avrai letto che consumare fibre è importante, ma spesso non viene sottolineato che bisogna consumare le fibre in modo corretto, perché altrimenti si ottiene un effetto contrario, ovvero la stitichezza peggiora e adesso ti spiego perché. L’uso delle fibre in caso di stitichezza viene oggi universalmente consigliato. Infatti se apri l’articolo della rivista oppure se vai sul web e per esempio digiti “stitichezza, rimedi naturali”, trovi spesso indicato “consuma più fibre”. Ma siccome una delle basi del mio metodo è naturale è sano se lo fai bene, io ti voglio insegnare ad utilizzare le fibre in modo corretto.

Ti faccio questa premessa: le fibre tu le puoi assumere sia dai cereali che dalla frutta che dalla verdura. Se tu consumi le fibre da uno di questi tre alimenti, l’effetto cambia. In particolare, se le assumi dai cereali rispetto che dalla frutta o dalla verdura, ovvero le fibre dei cereali, rispetto alle fibre della frutta e della verdura, tendono ad essere più aggressive, ad avere anche un’azione più disidratante e irritante sulle pareti intestinali e quindi bisogna usarle con la giusta accortezza e soprattutto verificare un aspetto fondamentale: che non siano fibre aggiunte ma che siano fibre del cereale stesso. Ovvero se tu compri per esempio la pasta integrale oppure vai dal fornaio e gli dici “mi dia quel panino lì integrale” oppure appunto ti chiedono “vuole questa ultima pagnotta ai cinque cereali integrali?”, tu devi verificare che siano fibre del chicco intero e non di farina bianca con delle fibre aggiunte a parte. E questo è qualcosa che invece succede molto spesso e che porta a non avere un alimento bilanciato e causa un sovradosaggio di queste fibre dei cereali, che sono fibre che vanno veramente dosate in modo corretto, portando un peggioramento, quindi per esempio aumentando la stitichezza oppure irritando e infiammando il colon. Infatti, le persone che non mangiano le fibre in modo corretto sono persone che si trovano dopo un po’ ad avere il disturbo della stitichezza abbinato anche ad una pancia che si gonfia, ad una pancia meteorica, quindi ad un colon meteorico, cioè ad un colon pieno di bolle d’aria, che sono tante volte ancora più fastidiose della stitichezza stessa. Oppure si trovano a soffrire di stitichezza con delle fitte caratteristiche della colite oppure avere anche la sindrome del colon irritabile.

Trascrizione del video per non udenti

Quindi, quello che dovrai verificare è che le fibre siano di alimenti integri, quindi sia un chicco intero che è stato macinato, in cui c’è la sua farina e le sue fibre.

Un particolare a cui fare attenzione è dato dalle fibre che trovi per esempio nei cereali della colazione. Sai cosa succede? È successo a me, penso che succeda anche a te: ti trovi nella corsia del supermercato col tuo carrello e appunto magari hai intenzione di comprarti dei cereali per la colazione. Quindi guardi in queste scansie, che oggi sono veramente enormi, con una grandissima offerta e quello che succede è che l’occhio cade sul classico cereale con scritto “light” oppure anche il biscotto con scritto “meno grassi, più sano”. Ecco, quello che accade spesso in questi cereali light, in questi cereali, biscotti oppure altri tipi di cereali da colazione, come per esempio le formelle oppure i classici cereali, fiocchi da colazione, ecco, sono spesso proprio cereali addizionati di fibra in più. Quindi non cereali sani, ma cereali che ti vanno ad apportare questo contenuto di fibra aggressivo, che non dà beneficio, ma che invece può causare i disturbi di cui ti ho parlato, quindi un peggioramento della stitichezza e un peggioramento anche del meteorismo, quindi della pancia gonfia o della colite.

Quindi, quando vai ad acquistare cereali, che sia il pane, che sia la pasta, che siano i cereali della colazione, dove veramente, essendo light, succede spesso quello che ti ho detto, verifica che non ci sia la fibra aggiunta, ma che sia la fibra del cereale stesso. E inoltre non consumare in eccesso queste fibre, ma attingi anche le tue fibre dalla frutta e dalla verdura, che hanno fibre arricchite dalla presenza di acqua, che migliorano l’idratazione e aiutano in caso di stitichezza.

I lassativi corretti

E ora ti do un secondo consiglio, tra quelli che io do alle persone che si rivolgono a me per trattare questo disturbo in modo naturale e deriva direttamente da quello che io insegno nei miei corsi in aula e riguarda la selezione corretta dei lassativi. E per farti capire quanto è importante selezionare un lassativo in modo corretto, ti voglio raccontare la storia di Paola, che tra l’altro la trovi in video anche nel mio sito. Allora, Paola aveva un problema di stitichezza, che le è iniziato con alternanze. Quindi all’inizio c’era stitichezza, poi c’erano dei periodi regolari e poi ritornava la stitichezza. Siccome la stitichezza tendeva ad aumentare, lei ovviamente ha fatto una scelta spontanea, che tutti fanno, normale: è andata a cercare un lassativo. Non voleva dei lassativi farmacologici e quindi si è rivolta a dei lassativi naturali. Ha acquistato i suoi lassativi e ha iniziato ad utilizzarli regolarmente, sapendo che sulla confezione c’era scritto lassativo a base di piante, lassativo naturale. Quindi, Paola giustamente si è sentita tranquilla, perché aveva il problema della stitichezza, però lo stava affrontando in modo naturale. Poi cosa è successo? È successo che questo lassativo ha fatto effetto, quindi questo lassativo le ha dato dei risultati. Le ha dato dei risultati il primo mese, le ha dato dei risultati il secondo mese, il terzo mese e quindi lei si sentiva soddisfatta di questa scelta e pensava di aver risolto il suo problema con questo prodotto naturale e che quindi  fosse a posto, non ci fosse altro da fare. Poi, man mano che assumeva questo lassativo, ha iniziato ad avere dei dolori addominali e ha iniziato ad avere un inizio di colite e in più la pancia tendeva a gonfiarsi. Inoltre, le dosi che lei prendeva il primo mese, senza accorgersene, le aveva aumentate il secondo mese. Quando però è arrivata al terzo e al quarto, si è resa conto che per avere l’effetto del primo mese, doveva aumentare le dosi e al quarto, al quinto mese e al sesto mese le ha dovute addirittura raddoppiare, mentre il disturbo di irritazione le stava aumentando.

Trascrizione del video per non udenti

Quindi Paola, trovandosi in questa situazione, cercando sul web, mi ha detto quando mi ha incontrata: “Dottoressa, l’ho trovata e ho capito che cosa mi stava succedendo”, perché appunto ha ascoltato un mio video, come stai facendo tu in questo momento con una mia spiegazione su questo meccanismo tipico che accade alle persone che hanno problemi di stitichezza. Io ho spiegato che l’uso dei lassativi naturali va fatto con molta accortezza, perché ci sono dei lassativi naturali che sono ad effetto catartico, ovvero danno un’evacuazione perché causano un’irritazione intestinale, quindi il nostro corpo, che è saggio, automaticamente elimina le scorie. Questi lassativi ad effetto catartico nel tempo portano ad infiammare, ad irritare il colon e sono diversi questi lassativi e te li cito in modo che anche ti li conosca e possa evitare la problematica in cui è incorsa Paola. Questi sono, per esempio, la senna, il rabarbaro, la cassia, la frangola, il tamarindo e anche tante volte l’aloe se la trovi non purificata dalla sua frazione antrachinonica. Quindi siccome spesso i prodotti non hanno delle etichette molto specifiche, se non c’è la scritta aloe purificata dalla frazione antrachinonica, la frazione antrachinonica ha un’azione appunto catartica e irritante e causa le problematiche in cui è incorsa Paola.

Quindi, in questo secondo consiglio io ti consiglio il fatto di fare molta attenzione ai rimedi naturali che utilizzi, perché naturale non è automaticamente sinonimo di assenza di controindicazioni o di assenza di problematiche. Io per esempio, come naturopata, quando seleziono i rimedi, li seleziono con molta molta cura, molta attenzione, perché so che bisogna appunto verificare attentamente le composizioni, perché anche nel naturale ci sono le controindicazioni. Quindi il naturale va benissimo, ma se fatto in modo corretto. Quindi, non utilizzare lassativi che contengono le sostanze che ti ho elencato. Se puoi scrivere, scriviti queste sostanze riascoltando il video e, se hai un lassativo in casa, vai a vedere la tua confezione e verifica che non ci siano le piante che io ti ho riportato, perché in questo modo avrai la tranquillità di non avere un prodotto che oggi ti dà un risultato e domani ti crea un peggioramento, perché non penso che sia questo che tu voglia. Cioè tu vuoi – penso – risolvere un problema alla radice in modo che tu possa non soffrire più di questo problema. E se stai utilizzando uno di questi lassativi catartici, di sicuro non è colpa tua. Semplicemente non lo sapevi e adesso che hai la lista, controlla in modo da non utilizzare lassativi con queste piante. Ti ricordo però che, al di là dei lassativi che utilizzerai, la cosa più importante in caso di stitichezza è cambiare l’alimentazione. Quindi, un’alimentazione sana sarà quella che ti aiuterà di più. Io infatti nei miei corsi mi soffermo veramente tanto nel dare tutto un programma alimentare semplice, facile da applicare, ma che possa davvero essere l’elemento che prima di tutto ti aiuta a combattere questo problema.

È importante anche bere, Tante volte le persone che soffrono di stitichezza tendono a non bere regolarmente o soprattutto sai cosa fanno? Quando si ricordano: “Ah, adesso devo bere”, bevono tutto d’un fiato. Magari so che per la stitichezza bisogna bere, ma siccome mi sono dimenticata di bere per tutto il pomeriggio, prendo e mi bevo tutto d’un fiato due bicchieri di acqua. Ecco, questo modo di bere tende solo a sovraffaticare l’organismo, il sistema renale, ma non a dare una buona idratazione, che invece avviene bevendo piccole dosi durante il giorno.

Inoltre ricorda anche ci sono dei farmaci che causano stitichezza o anche semplicemente degli integratori, quelli a base di ferro e quelli a base di calcio.

La disintossicazione intestinale

Se migliorando l’alimentazione e bevendo di più, la stitichezza ancora accompagna la tua vita, ti voglio parlare del terzo fondamentale rimedio, che fa parte del mio metodo e che riguarda la disintossicazione intestinale. E adesso ti spiego il motivo. Quando si soffre di stitichezza, che sia un’evacuazione  come ti ho che detto salta dei giorni oppure che sia anche un’evacuazione completa, che c’è giornalmente, ma è incompleta, nel nostro organismo si accumulano delle scorie, ovvero nell’organismo tendono queste scorie che noi non eliminiamo, tendono a venire disidratate dall’organismo e tendono ad accumularsi all’interno.

Trascrizione del video per non udenti

Un tipico segnale di questo cumulo di scorie, come spesso mi raccontano le persone, per esempio un’evacuazione a palline. Le persone tante volte, quando me lo dicono, sono quasi imbarazzate nel dire: “Io ho questo tipo di evacuazione”. Ma non è colpa loro. È che semplicemente non sanno che questo accumulo di scorie costante potrebbe beneficiare invece di una depurazione profonda, perché nessuno glielo ha spiegato. Questo succede, per esempio l’avere lo stimolo ad evacuare, recarsi in bagno, sperando, dicendo “adesso ce la faccio” e poi in realtà uscire tristi, perché non si è riusciti, accade perché queste scorie sono troppo disidratate, c’è stato un accumulo troppo grande di scorie e quindi il nostro organismo è come se andasse in tilt, in blocco.

Per risolvere questo disturbo specialmente se di lunga durata, quello che io ho visto che funziona di più è una depurazione intestinale profonda, ovvero una pulizia del colon con sostanze, con rimedi, con certi tipi di cibi che vanno a sciogliere, ad ammorbidire queste scorie fino ad eliminarle completamente. E nel momento in cui si eliminano completamente ecco che l’organismo torna a funzionare bene e torna ad essere sollevato. Quando si hanno queste scorie indurite, secche e che spesso danno per esempio anche delle evacuazioni non solo dure, ma anche maleodoranti, quando in realtà, l’ho spiegato diverse volte nei miei video, l’evacuazione sana non è maleodorante, ecco, quando questo accade la persona è un po’ come se girasse tutto il giorno con una zavorra sulle spalle. Immagina: se tu dovessi girare con un peso grande sulle spalle, saresti stanco, saresti affaticato. E la stessa cosa succede al tuo colon. Se non viene depurato in profondità da queste scorie, succede che è stanco ed affaticato, come lo saresti tu se portassi un grosso peso sulle spalle.

Le persone che soffrono di questo colon fortemente carico di scorie sono quelle che, per esempio, mi scrivono, leggevo due giorni fa dei commenti sul sito, mi dicevano per esempio: “Soffro di gonfiore e di pancia prominente. La sera sento gas, meteorismo. Mi sta causando questa stitichezza, crampi, dolore”. Oppure c’era una persona che mi ricordo che ha scritto: “Aiutatemi, non ne posso più di prendere lassativi”. Un altro per esempio diceva: “Non ho una stitichezza grave, però va a periodi alterni, ci sono dei periodi che mi blocco e quindi questo causa problemi anche ai miei programmi. Per esempio ho paura ad andare in viaggio, perché poi quando mi blocco sento un grosso fastidio e non mi godo nemmeno quello che succede, quello che posso godermi durante un viaggio. Oppure se ho impegni di lavoro, sono in viaggio per impegni di lavoro, non mi sento efficiente nel mio lavoro e sufficientemente produttivo”. Oppure ricordo, questa è una persona che mi ha parlato durante una delle mie ultime conferenze e diceva: “Dottoressa, io vado al bagno soltanto con i clisteri, che ormai ne faccio come capita, perché è l’unico modo per cui io ottengo un risultato. Ne devo fare spesso e poi alla fine si blocca tutto sempre di più”. Mi ricordo proprio la sua faccia delusa, dice: “Alla fine dulcis in fundo ho perso lo stimolo, cioè non sento più niente”. Effettivamente, se si utilizzano i rimedi naturali, anche rimedi che possono essere validi, come per esempio dei lassativi giusti i lavaggi intestinali che possono aiutare, ma se fatti male causano veramente dei grossi danni. E questi danni sono causati dall’uso spropositato di questi rimedi e dal fatto che non si combatte alla radice il problema che è la tossiemia intestinale, cioè questo carico di tossine che è nel colon, che blocca l’intestino e  causa problemi intestinali come la stitichezza, la colite, il meteorismo, la sindrome del colon irritabile e talvolta anche la diarrea ricorrente. Sono proprio causati da una condizione che in Naturopatia viene chiamata tossiemia intestinale.

Trascrizione del video per non udenti

Per questo motivo ho realizzato una serie di video gratuiti, che ti spiegano come affrontare la tossiemia intestinale e che ti danno subito un primo rimedio che puoi applicare per iniziare a combatterla. Per accedere a questi video trovi il link in descrizione. Quindi, se ti interessa eliminare la tossiemia intestinale per combattere il problema della stitichezza alla radice e risolvere anche i problemi intestinali in generale e imparare subito un primo rimedio, clicca sul link in descrizione e accedi subito ai video gratuiti, che ti daranno le informazioni necessarie.

Bene, per questo video è tutto. Se lo hai trovato interessante, clicca sul pollice alto per dire che ti è piaciuto. Se non hai fatto ancora l’iscrizione al mio canale Youtube falla, così riceverai in anteprima tutti i miei video. Ricordati anche di mettere un commento, una tua domanda qui sotto. Ai più popolari io risponderò nei miei prossimi video.

Miei cari NaturFan, fan del naturale, ci vediamo lunedì prossimo e ricorda che naturale è sano solo se lo fai bene. Ti aspetto lunedì prossimo, ciao.


Depurati in 5 minuti

Guarda GRATIS il video di un
rimedio facile e immediato:
la doccia interna con l’acqua e limone!



  • Marta

    Ciao Simona, grazie per il video! Mi ha chiarito di diversi dubbi.
    Visto che non posso partecipare ai tuoi corsi di ottobre, sono già in programma altre date?

    Grazie mille e buona giornata!

    • Ciao Marta, sono Michela dello staff del sito di Simona Oberhammer.
      Puoi trovare nel seguente link la risposta alla tua domanda. Un saluto

      https://www.simonaoberhammer.com/eventi/disintossicazione-intestinale/#domande

    • Adriana ippolito

      Io sto facendo la doccia intestinale da una decina di giorni ,e devo dire con ottimi risultati ..riesco a scaricarmi quasi tutti i giorni ,però ho ancora meteorismo ..spero di partecipare al più presto ad un corso .Grazie per i video .Adriana