Pesce: 10 benefici più tre trucchi per renderlo più sano

PER FARE IL TEST DEL BIOTIPO ➡ CLICCA QUI

PER ACQUISTARE IL LIBRO IN OFFERTA ➡ CLICCA QUI

In questo video si parla del pesce, che rappresenta la proteina animale più sana, e dei suoi benefici.
Ne vengono appunto individuati 10:
✅ aiuta a mantenere la linea
✅ è facilmente digeribile e assimilabile;
✅ riduce le rughe;
✅ protegge il cuore e l’apparato cardiovascolare:
✅ aiuta la tiroide:
✅ tonificail cuore;
✅ rinforza le ossa;
✅ favorisce la memoria e lo sviluppo del cervello;
✅ migliora l’umore;
✅ aiuta il sonno.

Ma per ottenere tutti i benefici elencati sopra, occorre seguire delle semplici regole o trucchi. Il primo è di non cuocere mai il pesce ad alte temperature, poiché gli Omega 3 in esso contenuti, possono trasformarsi in grassi nocivi. Il secondo trucco suggerisce di mangiare il pesce regolarmente ma in piccoli quantitativi e il terzo consiglia di non usare oli che contengono Omega 6 per condirlo.
Inoltre non bisogna dimenticare di variare il pesce e di consumarlo in base al proprio biotipo. I biotipi Oberhammer sono 4 e più precisamentew:
✅ Aria o cortisolico
✅ Acqua o vasopressonico
✅ Terra o somatotropinico
✅ Fuoco o adrenalinico.

SIMONA OBERHAMMER
Naturopata, autrice del best seller Mondadori
“Guarigione naturale con i 4 biotipi Oberhammer”

 

Trascrizione del video per non udenti

Ciao, sono Simona Oberhammer, autrice del bestseller Mondadori “Guarigione naturale con i 4 biotipo Oberhammer” e in questo video voglio parlarti di un cibo proteico che è il pesce e ti spiegherò i benefici che puoi ottenere consumando questo cibo e al termine ti darò tre trucchi da applicare da subito, che provengono dal mio metodo Biotipi Oberhammer, per rendere il pesce più nutriente e più efficace per il tuo benessere.

Se non lo hai ancora fatto, ti ricordo di iscriverti al mio canale, in modo da ricevere tutti i miei aggiornamenti e tutti i miei nuovi video.

E adesso parliamo del pesce, di questo cibo proteico che per chi mangia proteine animali è di sicuro la proteina animale più sana, cioè il pesce è sicuramente più sano e più benefico della carne. Si dice “sano come un pesce” per intendere una persona che gode di ottima salute. Ma non si dice tanto perché i pesci non si ammalano mai, come erroneamente si pensava nell’antichità, ma perché mangiando regolarmente pesce, si fa scorta di un grande numero di sostanze preziose per il benessere di tutto l’organismo. E quindi vediamo adesso i 10 benefici del pesce.

1° beneficio: il pesce aiuta a mantenere la linea

Primo: il pesce aiuta a mantenere la linea. E non solo il pesce di tipo magro, ma anche il cosiddetto pesce grasso. Pensa che a riconoscere le straordinarie proprietà del pesce soprattutto quello di tipo grasso è stato un gruppo di scienziati giapponesi, che ha individuato che i grassi che ha individuato che i grassi Omega 3, che sono presenti nel pesce, sono in grado di trasformare le cellule di grasso cattivo dell’organismo in altre sane, cioè è in grado di bruciare calorie. E ti spiego meglio: questo studio, di cui ti sto parlando, che è stato pubblicato sullo Scientific Reports, è partito dall’esame di tre tipi di grasso corporeo, ovvero primo il grasso bianco, che fa sì che le calorie in eccesso contribuiscano ad ingrassare pancia, cosce e tutto le parti che non vorremmo ingrassare nel corpo. Poi c’è come secondo il grasso bruno, che è quello invece che bruca calorie e come terzo il grasso beige, che è stato scoperto recentemente, che ha una funzione simile a quella del grasso bruno, quindi  un grasso buono.

Allora, secondo questa ricerca, il pesce, quello di tipo grasso, cioè che contiene Omega 3, trasformerebbe le cellule di grasso bianco, cioè quelle negative, in cellule di grasso beige, cioè quelle positive. E questo effetto è particolarmente utile dopo i 35 – 40 anni, quando il numero di cellule di grasso buono, cioè di grasso bruno e di grasso beige, iniziano a scarseggiare a favore delle cellule di grasso bianco. Quindi se quelli di cui ti ho parlato adesso sono i benefici di tipo grasso, molto ricco di Omega 3, c’è però un beneficio che riguarda tutto il pesce in generale ed è quello di favorire il senso di sazietà. Infatti il pesce è tra gli alimenti più sazianti. E diversi studi, tra cui quelli della Deakin University che ha sede a Victoria, a Boston, hanno dimostrato che le proteine del pesce riempiono più di quelle della carne. E a questo si aggiunge anche l’effetto antifame dei grassi, che nel pesce sono, come ti spiegherò tra poco, dei grassi buoni, dei grassi amici della salute. Ecco quindi che con il pesce ci si può concedere il lusso di una porzione più abbondante se si è a dieta, perché a parità di peso il pesce è meno calorico della carne, pur fornendo proteine ugualmente nobili, cioè ugualmente assimilabili, facilmente assimilabili, che è una tipica caratteristica delle proteine animali.

2° beneficio: il pesce è facilmente digeribile e assimilabile

Secondo beneficio del pesce: il pesce è facilmente digeribile e assimilabile. Infatti il pesce è caratterizzato da uno scarso contenuto di tessuto connettivo e quindi è più facilmente attaccabile dai succhi gastrici, quindi più digeribile rispetto alla carne. In pratica la muscolatura del pesce ha minori fasci connettivi, rispetto per esempio alle carni bovine, suine o al pollame.

Trascrizione del video per non udenti

La carne del pesce è particolarmente tenera e facilmente masticabile. Inoltre il pesce transita più rapidamente nello stomaco rispetto alla carne, circa due ore e mezzo contro le tre – quattro ore della carne.

3° beneficio: il pesce riduce le rughe

Terzo beneficio del pesce: il pesce riduce le rughe, sì, perché chi mangia regolarmente il pesce rallenta la comparsa delle rughe sul viso secondo uno studio della Monash University di Melbourne. Le persone che basano la loro alimentazione soprattutto sul pesce, sui vegetali e sull’olio di oliva è stato notato in questo studio riportano meno foto – danneggiamento al viso e meno rughe, cioè la pelle si segna molto meno. Questo effetto è stato attribuito anche agli Omega 3 del pesce.

4° beneficio: il pesce protegge il cuore e l’apparato cardiovascolare

E adesso ti voglio parlare meglio dell’Omega 3 che ti ho citato più volte, parlandoti del quarto beneficio del pesce: il pesce protegge il cuore e l’apparato cardiovascolare, proprio grazie agli Omega 3, che sono acidi grassi polinsaturi, che vengono definiti grassi buoni. Perché vengono definiti grassi buoni? Perché hanno numerosi benefici, tra i quali l’azione protettiva sul sistema cardiovascolare. Infatti gli Omega 3 sono in grado, per esempio, di aumentare la fluidità del sangue, di  ridurre il rischio di trombosi, di abbassare i trigliceridi, di diminuire l’assorbimento del colesterolo nell’intestino. Inoltre questi grassi ostacolano il processo che porta alla formazione e alla progressione dell’arteriosclerosi e proteggono anche il cuore dalle aritmie.

Numerose ricerche dimostrano che il cuore trae un grande beneficio dal consumo regolare di Omega 3, quindi di pesce, riducendo il rischio di infarto e di ictus. E va segnalato uno studio dell’Università americana di Harvard, che ha studiato per 16 anni oltre 2.000 persone dai 65 anni in su e si è notato che tra chi mangiava più pesce e di conseguenza con valori maggiori di Omega 3 si riduceva del ben 27% il rischio di mortalità precoce per malattie cardiovascolari e per ictus.

Inoltre mangiare regolarmente pesce aiuta a mantenere nella norma i valori della pressione arteriosa. E questo è risultato anche da uno studio britannico della Warwick Medical School che ha evidenziato una riduzione della pressione di ben 5 punti.

Riguardo agli Omega 3 è anche importante fare una precisazione: che questi Omega 3, questi acidi grassi così benefici riescono ad essere utilizzati e assorbiti bene dal nostro corpo se hanno una buona proporzione con un altro tipo di acido grasso, che si chiama Omega 6. Ora, il rapporto ideale tra Omega 3 e Omega 6 è di 4 a 1, ma proprio perché non si consumano abbastanza cibi come il pesce, oggi si arriva ad uno squilibrio tra il rapporto tra Omega 3 e Omega 6 e si arriva anche ad un rapporto di 15 a 1 a favore degli Omega 6. Gli Omega 6, che sono anche questi degli acidi grassi polinsaturi, si trovano infatti in abbondanza per esempio nell’olio di semi, nei frutti oleosi o nel tuorlo. E nella dieta abituale si tende a consumare particolarmente questo tipo di oli anche perché si trovano in tantissimi cibi confezionati, per esempio biscotti, merendine o cracker o in generale cibi già pronti, che tante proprio contengono gli oli di semi o i tuorli delle uova. Ma sebbene gli Omega 6 siano utili, se abbiamo uno sbilanciamento tra Omega 3 e Omega 6, tra il loro rapporto, ecco che possono essere favorite delle malattie cardiovascolari e anche molte malattie infiammatorie. Hai presente le malattie che finiscono per “ite”? Tutte le malattie che finiscono per ite, che possono essere colite, gastrite, dermatite, ecc., sono malattie a impronta infiammatoria.

Trascrizione del video per non udenti

Ecco che aumentare il consumo di pesce nella nostra alimentazione ci permette di riequilibrare il rapporto tra Omega 3 e Omega 6 con grandissimi benefici.

5° beneficio: il pesce aiuta la tiroide

E adesso vediamo il quinto beneficio del pesce: il pesce aiuta la tiroide. Ci sono anche in questo caso molti studi scientifici che hanno dimostrato che il pesce, per esempio particolarmente il pesce azzurro o i molluschi o i crostacei possono prevenire i problemi alla tiroide e aiutano anche chi ne soffre a guarire, perché questo cibo è naturalmente ricco di iodio. Lo iodio è un oligoelementi che è il principale – dico il principale – alleato di una tiroide sana. E per questo motivo si è sempre pensato che coloro che vivono nelle zone di mare e respirano aria ricca di iodio siano preservati più facilmente dalle problematiche della tiroide, come per esempio l’ipotiroidismo, cioè il deficit di funzionamento della tiroide, o l’ipertiroidismo, cioè un eccessivo funzionamento della tiroide o i noduli o il gozzo o anche malattie più gravi come le neoplasie della tiroide.

In realtà molto studi sono concordi nel dire che il beneficio non c’è tanto nel respirare aria di mare, bensì nel mangiare pesce con costanza, cosa che avviene maggiormente negli abitanti che si trovano più vicini al mare. E questi dati derivano da uno studio scientifico dell’Università Cattolica di Roma, che ha rilevato quanto un consumo regolare di pesce aiuti la tiroide a mantenersi sana o la aiuti a guarire quando è malata. E bisogna dire che le carenze di iodio sono sempre in aumento, non solo tra gli anziani, ma anche tra le persone adulte e persino tra le persone giovani. E il pesce può aiutare particolarmente in questo caso.

6° beneficio: il pesce tonifica il corpo

Sesto beneficio del pesce: il pesce tonifica il corpo. Infatti il pesce ha delle proteine di altissima qualità. E il suo apporto proteico, che è molto elevato anche fino al 20% del peso, è soprattutto di facile digestione e di facile assimilazione e nutre bene l’organismo favorendo la tonicità dei suoi tessuti e quindi aiutando a mantenere il corpo tonico e soprattutto anche quando si pratica attività fisica, favorendo uno sviluppo migliore della muscolatura.

7° beneficio: il pesce rinforza le ossa

Sette: il pesce rinforza le ossa. Infatti molti pesci hanno una buona quantità di calcio e soprattutto il pesce ha un’ottima concentrazione della vitamina D che è una vitamina che è davvero una alleata per la salute delle ossa, perché aiuta a contrastare la diminuzione della densità ossea, che si ha particolarmente con l’età, particolarmente ad esempio nelle donne in menopausa, ma che si ha oggi anche spesso prima della menopausa, per esempio quando nella donna ci sono delle alterazioni del ciclo mestruale. E quindi con appunto la vitamina D si riduce il rischio di osteoporosi e il rischio di fratture.

Inoltre c’è una particolarità: che la vitamina D nel pesce si trova in un cibo che naturalmente è ricco di grassi, per esempio di Omega 3, come abbiamo visto. Ed essendo una vitamina liposolubile, ovvero una vitamina che viene assorbita dal nostro organismo soltanto insieme ad una presenza di grassi, cioè se noi assumiamo, per esempio, la vitamina D in assenza di grassi, non riusciamo ad assorbirla. Essendo quindi liposolubile, abbinata agli Omega 3 del pesce, viene assimilata, viene utilizzata dal nostro organismo nel modo migliore e più efficace.

Trascrizione del video per non udenti

8° beneficio: il pesce favorisce la memoria

Otto: il pesce favorisce la memoria e lo sviluppo del cervello. Allora, se il pesce favorisce la memoria, non dipende dal fosforo, come dicono le credenze popolari, ma soprattutto dalla vitamina B12, che è presente nel pesce e che tra le sue molte virtù ha anche quella di conservare nel tempo le funzioni cognitive e la memoria. E questi dati vengono da alcuni studi della University of Oxford, dove si è osservato che la vitamina B12 agisce positivamente sulla memoria e forse anche proprio per la capacità di mantenere integra la guaina mielinica che circonda i neuroni, ma c’è di più: uno studio della rivista Neurology ha riscontrato che nelle persone che mangiano abitualmente pesce c’è una quantità maggiore di materia grigia, che è la parte del cervello che è associata alla memoria e anche alla capacità decisionale. E questo studio ha evidenziato che il consumo regolare di questo alimento aiuta anche a preservare il funzionamento e l’integrità del cervello quando si invecchia. E si è notato in particolare che l’assunzione di pesci grassi può ridurre il progredire dell’Alzheimer.

9° beneficio: il pesce migliora l’umore

Nove: il pesce migliora l’umore. Infatti se si mangia il pesce con regolarità si può proprio dire che questo è un toccasana per l’umore e non solo, per il merito di certi minerali, per esempio il magnesio che contiene, ma di nuovo grazie agli Omega 3, che hanno un’azione benefica proprio sull’umore. E anche grazie alla presenza di triptofano e di vitamina B6, che sono entrambe principi nutritivi ad azione antidepressiva, che si potenziano a vicenda, favorendo poi il rilascio della serotonina. Quindi il pesce, mangiato con regolarità, ha questa azione positiva sull’umore. Ancora di più se si mangia spruzzato con il succo di limone, perché la vitamina C è un’altra sostanza che favorisce la trasformazione del triptofano in serotonina e la serotonina è particolarmente coinvolta con il nostro buonumore.

10° beneficio: il pesce aiuta il sonno

Dieci: il pesce aiuta il sonno, aiuta un buon sonno, grazie a sostanze presenti nel pesce in abbondanza come la vitamina D, gli Omega 3 e anche l’acido alfa linoleico viene migliorato il sonno notturno, e questo viene affermato da uno studio che è stato condotto in Norvegia ed è stato pubblicato sul Journal of Clinical Sleep Medicine. I ricercatori, che hanno portato avanti questo studio, si sono presi ben sei mesi di tempo per osservare l’influenza del consumo del pesce sul sonno e l’interazione tra vitamina D e Omega 3, che è vero che non si trovano solo nel pesce, ma si trovano anche in sostanze vegetali, ma che nel pesce, grazie proprio al suo habitat ricco di grassi buoni, sono particolarmente assimilabili. Ed è stato notato che le persone che incrementavano il consumo di pesce miglioravano la qualità del sonno e persino la concentrazione durante le ore della giornata.

E adesso che ti ho parlato dei dieci benefici del pesce, ti voglio parlare di tre trucchi che sono importanti per consumare il pesce in modo sano.

Trascrizione del video per non udenti

Allora, ti faccio prima una piccola premessa: il pesce è sano solo se consumato nel modo corretto, come del resto qualsiasi cibo. Ogni cibo può avere dei pericoli, ogni cibo, se non viene mangiato nel modo corretto, può avere delle controindicazioni, per esempio nel caso del pesce la presenza di mercurio. Ma la soluzione non è eliminare un cibo quando ci sono dei pericoli o dei problemi, ma è saperlo mangiare bene. E io, proprio per questo motivo, ho il mio Biotipi Club, che è uno spazio online dove tengo dei videocorsi sul mio metodo e dove insegno a mangiare i cibi in modo corretto, utilizzando poi comode tabelle, schede, ricette e dove soprattutto le persone possono farmi le domande sui loro dubbi. Ecco, da questo Biotipi Club io ti voglio dare tre trucchi tra i vari che io do, che provengono da un mio noto videocorso “Come mangiare il pesce per stimolare il metabolismo, rinforzare ossa e cuore e avere una belle pelle”. Allora vediamo questi tre trucchi che provengono poi dai diversi che io do.

Tre trucchi per rendere il pesce più sano

Primo trucco: quando cucini il pesce, evita assolutamente le alte temperature. Ti ho parlato tanto degli Omega 3, ma se il pesce viene cotto ad elevate temperature, questi Omega 3 così benefici si possono trasformare invece in dei grassi che non sono affatto benefici, che sono i grassi trans. Quindi il pesce perde il suo valore nutrizionale e perde tutti i benefici di cui ti ho parlato se viene preparato con temperature troppo alte e addirittura diventa cibo, diventa dannoso perché gli Omega 3, come ti ho detto, si trasformano nei nocivi grassi trans.

Secondo trucco: mangia il pesce regolarmente, ma in quantitativi limitati. Infatti per ottenere i risultati non serve mangiare un grande quantitativo di pesce in una volta, ma serve piuttosto consumare nel quantitativo giusto, nella dose giusta il pesce regolarmente più volte. Se tu consumi il pesce in eccesso, affatichi semplicemente gli organi di eliminazione, di depurazione, affatichi i reni, affatichi le vie urinarie, affatichi il fegato. E se vuoi conoscere i pericoli di un consumo eccessivo di proteine, guarda il video qui in cui ti spiego cosa può succedere quando si consumano troppe proteine.

Inoltre io credo in un consumo etico del cibo animale, ovvero il cibo animale può darci diversi benefici, ma utilizziamolo soltanto per quel tanto che ci serve e non per gli eccessi, perché gli eccessi pesano sugli animali e pesano sul nostro organismo. Quindi io in Biotipi Club do delle precise indicazioni sulla frequenza di consumo del pesce, sempre in base alle varie necessità personali. Quello che ti dico adesso qui è che tutto il pesce che mangi in più va a causare dei danni al tuo organismo. Ti servono dei quantitativi limitati con regolarità per avere i benefici, i 10 benefici di cui ti ho parlato.

Terzo trucco: quando mangi pesce, evita i condimenti a base di Omega 6. Ti ho parlato della relazione tra Omega 3 e Omega 6 e deve essere una relazione corretta, ma se tu consumi pesce e lo condisci con degli acidi grassi particolarmente ricchi di Omega 6, ecco che vai ad inibire l’assorbimento degli Omega 3, vai a sbilanciare questa  proporzione che abbiamo già visto nell’alimentazione occidentale particolarmente sbilanciata. In particolare oli ricchi di Omega 6 sono l’olio di mais, l’olio di cartamo, l’olio di girasole, che spesso non solo si usano per condire gli alimenti, ma si usano anche nei cibi che accompagnano il pesce, per esempio in un pacco di cracker, nei grissini o in del pane confezionato. Quindi devi fare attenzione agli oli che usi per condire e anche ai cibi confezionati che consumi, che spesso nell’etichetta puoi notare che contengono oli di questo tipo.

Trascrizione del video per non udenti

Concludendo, quindi, se tu mangi del salmone condito con olio di mais o con dei cibi, con dei cracker, per esempio, che contengono olio di mais, questi tendono ad annullare i benefici degli Omega 3, che sono contenuti nel salmone. Se invece condisci con dell’olio di oliva, questo non succede oppure se usi dei cibi di contorno che non contengono oli con Omega 6 appunto avrai i benefici di questi preziosi Omega 3 e quindi molti dei benefici di cui ti ho parlato.

È fondamentale variare il consumo di pesce

E adesso, dopo averti dato tre trucchi, voglio aggiungere che è molto importante variare il consumo di pesce, non mangiare mai lo stesso pesce, cioè tendi a variare. Io in Biotipi Club fornisco delle vere e proprie tabelle per ottenere i massimi benefici dal pesce ed evitare i pericoli, perché? Perché se noi, per esempio, non variamo il consumo del pesce e mangiamo solo pesce di tipo grande, per esempio il tonno, possiamo essere soggetti a un accumulo di mercurio. Ecco perché quando io nei miei videocorsi in Biotipi Club do le indicazioni su come mangiare meglio un cibo, fornisco delle tabelle molto precise per aiutare a creare questa rotazione con equilibrio. Soprattutto le fornisco in base al proprio biotipo. Nel mio metodo, il metodo Biotipi Oberhammer, consiglio di mangiare qualsiasi cibo, in questo caso il pesce in base al proprio biotipo, perché ognuno di noi ha esigenze diverse e individuare il proprio biotipo ci aiuta ad avere dei risultati davvero migliori e anche in modo più facile. E se non sai ancora qual è il tuo biotipo, rimani con me perché tra poco ti spiego come individuarlo gratuitamente e in modo molto breve.

Quindi, i biotipi nel mio metodo sono 4: biotipo Aria o biotipo cortisolico, biotipo Acqua o biotipo vasopressinico, biotipo Terra o biotipo somatotropinico, biotipo Fuoco o biotipo adrenalinico. E ognuno di questi biotipi ha bisogno di varianti sul consumo del pesce diverse e anche di mangiare più certi pesci rispetto ad altri. E quindi ottimizzare tutta la propria alimentazione secondo il biotipo è molto efficace, perché permette due cose: primo permette di avere più risultati, perché si fa esattamente quello che serve al proprio biotipo, alla propria tipologia, secondo, permette di fare meno fatica, perché si evitano tutti i consigli e tutte le indicazioni che non sono indicate per il proprio biotipo e si utilizzano solo quelle indicate per le proprie esigenze e in questo modo si può utilizzare uno degli elementi fondamentali del mio metodo, che è il poco ma ottimo: fare poche cose ma corrette e giuste per il proprio biotipo.

E adesso, se non conosci ancora il tuo biotipo, ti dirò tra poco come individuarlo immediatamente con un semplice test e ti dico che innanzitutto sul mio libro “Guarigione naturale con i 4 biotipi Oberhammer”, edito da Mondadori, puoi avere le informazioni generali sul biotipo e sul mondo dei biotipi per ottenere molti risultati con poca fatica. Inoltre in questo libro è contenuto anche il protocollo 21 x 3, che è un programma semplicissimo da applicare immediatamente a casa propria, depurativo, riequilibrante, che è fondamentale anche per migliorare la funzionalità dell’apparato digerente e così creare una base ottima per migliorare la digestione e per assimilare meglio i cibi. E quando noi miglioriamo l’assimilazione, possiamo ottenere meglio i benefici, in questo caso i 10 benefici del pesce o anche i benefici di tutti gli altri cibi che mangiamo, perché i principi nutritivi vengono meglio assorbiti e arrivano meglio al nostro corpo.

Il libro è edito da Mondadori, quindi puoi trovarlo in qualsiasi libreria oppure cliccando sul link qui sotto, lo puoi anche acquistare online con uno sconto.

Trascrizione del video per non udenti

Il test dei biotipi

E adesso ti do le informazioni sul test. Il test ti permette di individuare in pochi minuti il tuo biotipo con precisione e potrai farlo cliccando sul link qui sotto. Potrai accedere al test e, una volta compilato il test, otterrai tre video completamente gratuiti sul tuo biotipo e anche un rilassamento specifico per il tuo biotipo di soli 9 minuti che ti permetterà di eliminare lo stress in pochissimo tempo.

Bene, per questo video è tutto. Se questo video ti è piaciuto, ti ringrazio se mi metterai un “mi piace”. Se non lo hai ancora fatto, ti ricordo di iscriverti al mio canale Youtube per ricevere tutti i miei aggiornamenti. Se stai guardando questo video da smartphone, clicca sulla campanella per ricevere una notifica ogni volta che esce un mio nuovo video.

Bene, ti aspetto subito al test. Ciao!

Commenta con Facebook o con la tua Email