Calo del testosterone: i rimedi naturali per l’Andropausa

https://www.youtube.com/watch?v=X4dZmmiURhw&t=2s

Per ricevere i video gratuiti sulla Ginnastica Intima ➡️ CLICCA QUI

In questo video viene trattato il tema dell’andropausa, sul quale vi è scarsa informazione. Molto spesso viene effettuato il parallelismo con la menopausa femminile, anche se in realtà nell’uomo si ha una riduzione nella produzione degli ormoni maschili, mentre di contro nella donna si assiste alla scomparsa totale di quelli femminili.

I sintomi dell’andropausa sono:

  • Calo del desiderio
  • Deficit erettile
  • Riduzione della forza e della massa muscolare
  • Aumento del grasso corporeo
  • Incremento dell’insorgenza di malattie cardiovascolari
  • Comparsa dell’osteoporosi
  • Alterazione degli stati d’animo
  • Sbalzi di umore
  • Alterazione del ritmo sonno – veglia
  • Comparsa di vampate.

In caso di andropausa occorre tenere sotto controllo l’alimentazione, riducendo l’assunzione di grassi saturi, di fritti, di intingoli, di salse, di alcolici, preferendo l’assunzione di frutta e verdura. È oltretutto fortemente consigliato ridurre il fumo.

Per quanto riguarda i rimedi naturali, si consiglia l’assunzione di polline, di maca andina, di ginkgo biloba, di tribulus terrestris, di trifoglio rosso.

L’altro consiglio che viene dato è la pratica della ginnastica intima, fondamentale per rafforzare il pavimento pelvico.

Trascrizione del video per non udenti

Ciao, sono Simona Oberhammer e in questo video ti parlerò dell’andropausa maschile e dei rimedi naturali che possono aiutarti ad affrontarla meglio.

Disturbi tipici dell’andropausa sono per esempio l’aumento del grasso corporeo, una riduzione della forza e della massa muscolare rispetto agli anni precedenti, un calo del desiderio, problemi di erezione, malattie cardiovascolari, tutte sintomatologie che possono essere affrontate molto bene attraverso la Naturopatia e i rimedi naturali.

In questo video io quindi ti parlerò prima di tutto di che cos’è l’andropausa, i sintomi, a che età arriva, in modo da farti comprendere meglio questo disturbo e poi ti darò dei rimedi naturali, dei consigli, che sono risultati efficaci nella mia pratica di naturopata.

Che cosa significa andropausa?

Prima di tutto ti voglio dare il significato del termine andropausa. Che cosa significa? L’andropausa viene spesso considerata la versione maschile della menopausa, ma in realtà la similitudine non è così stretta, anche se in entrambi i casi c’è una riduzione della produzione ormonale a livello sessuale, l’estrogeno e il progesterone per la donna e il testosterone per l’uomo. Molte persone, per esempio, durante le mie conferenze, i miei corsi mi chiedono: “Ma, Dottoressa, che differenza c’è tra la menopausa e l’andropausa?” Allora, nella menopausa femminile la riduzione degli ormoni avviene in modo piuttosto netto, mentre nell’andropausa maschile il testosterone cala piano piano, con il passare del tempo. In pratica la produzione di testosterone, tipico ormone maschile, comincia a calare dai 30 anni di età, per poi ridursi in modo più drastico dopo i 50 anni. Quindi in pratica nelle donne la menopausa si manifesta in modo più veloce, negli uomini invece in modo più progressivo. Cioè nella donna circa dopo i 50 anni si riduce drasticamente la produzione di ormoni sessuali, quindi di estrogeni e di progesterone e delle cellule fecondabili, dei gameti. Nella gran parte degli uomini, invece, l’organismo continua a fabbricare gli ormoni e gli spermatozoi fino a tarda età, però in modo più ridotto, con una riduzione costante e graduale man mano che gli anni passano.

I sintomi dell’andropausa

Quali sono i sintomi dell’andropausa? Allora, la riduzione dei livelli di testosterone può causare sintomi di tipo diverso. Alcuni di questi sono anche simili a quelli della menopausa femminile. Vediamo i principali. C’è un calo del desiderio, un deficit erettile, l’erezione spesso non dura più quanto prima. Una riduzione della massa e della forza muscolare è un altro sintomo, un aumento del grasso corporeo, quindi anche se si mangia come prima e ci si muove come prima, si tende ad ingrassare di più. C’è un incremento delle malattie cardiovascolari, che diventano più frequenti. Può esserci più frequentemente l’osteoporosi, quindi una fragilità ossea. Potrebbero esserci delle alterazioni di stato d’animo, cioè più depresso, sbalzi d’umore o potrebbe sussistere un’alterazione del ritmo del sonno e possono anche esserci delle vampate simili a quelle della menopausa femminile.

Vediamo ora più precisamente quali sono i cambiamenti a livello sessuale, anche perché in questo video fornirò alcuni consigli utili.

Le modificazioni a livello sessuale


Problemi sessuali?
Problemi ginecologici?
Problemi urologici?
Risolvili con la
Ginnastica Intima

L’andropausa può determinare delle modificazioni a livello sessuale, per esempio può essere più difficile riprendere l’erezione, cioè se durante i preliminari l’uomo non riesce a mantenere l’erezione, dopo fa più fatica a riprenderla, cosa che invece in età più giovane magari non succede. Poi è tipica dell’andropausa la situazione in cui l’erezione è meno immediata. Da una certa età in poi, specialmente se l’organismo non viene mantenuto forte, vitale attraverso degli interventi naturali, diventa più difficile mantenere l’erezione solo con lo stimolo mentale. Per ottenerla, per esempio, è necessario di più una stimolazione diretta sulla parte genitale e anche si attenuano le erezioni mattutine sia per numero che per qualità. E questo fatto delle erezioni mattutine, per esempio, è uno dei segnali da osservare. Quando le erezioni mattutine iniziano a diradarsi, ecco che potrebbe, non è assolutamente sempre, però potrebbe essere un segno di un inizio di un deficit erettivo, che può essere un sintomo che si presenta in andropausa.

Trascrizione del video per non udenti

In realtà i problemi di erezione potrebbero anche essere dovuti a cause organiche, per esempio problemi vascolari come la pressione alta o l’arteriosclerosi oppure problemi neurologici, cioè dipendenti dalla difficoltà di trasmissione degli impulsi nervosi dal cervello agli organi genitali o ancora la carenza di testosterone o anche semplicemente problemi psicologici.

Un’altra caratteristica di un’andropausa in atto è la riduzione dell’eiaculato, cioè la quantità di sperma emessa durante l’eiaculazione può diventare minore, inferiore rispetto a prima. Il minor volume dell’eiaculato dipende soprattutto dalle minori secrezioni delle vescicole seminali e della prostata, che con il tempo tendono a ridursi proporzionalmente all’entità originaria, proporzionalmente a quello che succedeva prima.

Un’altra caratteristica a livello sessuale dell’andropausa è che possono cambiare i tempi del rapporto sessuale. Per esempio, gli uomini che da giovani sono stati precoci, con gli anni tendono a controllare di più l’eiaculazione. In altri invece può comparire improvvisamente l’eiaculazione precoce, che in alcuni casi però nasce da una infezione alla prostata oppure l’uomo eiacula prima, perché diventa un po’ più difficile mantenere l’erezione.

Un’altra situazione è degli uomini che lamentano l’impossibilità ad eiaculare. È un caso abbastanza frequente negli uomini che stanno assumendo degli psicofarmaci.

Un’ultima caratteristica che può essere legata all’andropausa è l’aumento del cosiddetto periodo refrattario, cioè nell’uomo giovane il tempo necessario per essere pronto ad un altro rapporto è spesso breve, cioè dopo l’eiaculazione, dopo poco tempo può essere pronto a ripartire. Nell’uomo invece più maturo il periodo refrattario può essere più lungo, può essere di più ore e può anche superare le 24 ore. Invece la fertilità, cioè la capacità di fecondare, pur riducendosi gradualmente, non scompare, diversamente dalla donna, dove la fertilità ad un certo punto non c’è più con la menopausa, nell’uomo no. Si riduce ma anche un uomo di 70 anni, se ha una compagna che è più giovane, può appunto generare una nuova vita.

Bene, e ora, dopo averti dato alcune informazioni sull’andropausa, devo dire che rispetto alla menopausa è una condizione molto molto meno conosciuta, perché sulle problematiche femminili c’è sempre molta molta più informazione e questo è uno dei motivi  per cui come naturopata ho voluto anche dare un’informazione sulle problematiche maschili.

Ecco, dopo averti dato queste informazioni molto generali, ti voglio invece parlare delle proposte della Naturopatia Oberhammer, cioè del mio metodo in caso di andropausa e quindi come potere affrontare bene questi disturbi e mantenere la propria funzionalità al meglio.

Allora, tra le proposte ti parlerò di alimentazione, di rimedi naturali e di ginnastica pelvica. Sono tutti e tre interventi semplici, ma che potranno aiutarti a mantenere il tuo vigore e la tua salute al meglio.

L’alimentazione

Come prima cosa ti parlerò dell’alimentazione in caso di andropausa. Allora, ti do alcuni consigli che ti possono aiutare. Innanzitutto ricordati che in caso di andropausa è importante mangiare pochi grassi saturi, cioè un consumo controllato per quanto riguarda i grassi animali –  burro, formaggi, carni rosse, cioè dove ci sono molti grassi saturi, grassi animali – è un buon modo per evitare il colesterolo alto, per evitare l’arteriosclerosi e i problemi cardiocircolatori, che sono la prima causa di impotenza in età avanzata, quindi una delle prime cause che influiscono anche sulla funzionalità sessuale. Dai invece molto spazio alla frutta e alla verdura fresca. Puoi consumarla cruda, cotta, ma l’importante è che sia cucinata in modo semplice e che diventi la parte importante della tua alimentazione. Tra le proteine scegli il pesce, che va molto bene e le carni bianchi, invece riduci al minimo le carni rosse. Evita invece tutti gli insaccati che sono ricchissimi di sodio e che non sono una fonte proteica comunque sana, naturale. Riducili proprio al minimo magari nelle cene, quando sei a mangiare fuori o in certe condizioni, però non farli diventare una tua fonte proteica importante.

Riduci anche il consumo di fritti, di salse, di intingoli, perché questo ti permette di mantenere l’apparato cardiovascolare sano e di ridurre l’accumulo di grassi tipico dell’andropausa. Io molte volte ho appunto degli uomini che mi vengono a dire: “Dottoressa, mangio come prima e ho la pancia”. Appunto, essendo in età più matura, basta seguire semplicemente alcuni accorgimenti e si riesce a mantenere una silhouette snella pur essendo appunto in un’età più matura.

Trascrizione del video per non udenti

Un’altra cosa: bevi pochi alcolici. Gli alcolici possono ridurre la produzione di ormoni maschili e questo a qualsiasi età, quindi influire naturalmente sulla salute in generale e anche su quella sessuale. Inoltre, non mangiare troppo. Il bisogno calorico si riduce con il passare dell’età e specialmente con l’andropausa, specialmente se non ci si muove troppo, perché c’è un rallentamento metabolico. Quindi, fai un tuo pasto in modo da non sentire fame, però evita di mangiare troppo. Mangiare un po’ meno è un consiglio molto semplice, ma che io ho notato nella mia pratica è molto molto efficace e specialmente non mangiare troppo di sera. Magari mangia molto di più a colazione, a pranzo, ma rendi la cena un pasto più parco e ti renderai conto subito dei benefici. Mangia di più al mattino, a pranzo, ma mangia di meno alla sera.

Inoltre ricorda che il fumo – è una specifica che ti faccio adesso, anche se non si tratta di alimentazione – ecco, il fumo favorisce la riduzione della produzione di testosterone, che ci interessa in caso di andropausa e per mantenere una buona funzionalità dell’organismo. Il fumo influisce anche negativamente sul lume delle arterie, con danni alla circolazione e successivamente con tutti i danni all’organismo ed ha un’influenza negativa sulle prestazioni sessuali.

I rimedi naturali


Problemi sessuali?
Problemi ginecologici?
Problemi urologici?
Risolvili con la
Ginnastica Intima

E ora vediamo alcuni rimedi naturali che sono utili in caso di andropausa e sono delle piante, delle sostanze che hanno uno scopo: quello di dare vigore all’organismo e che ti aiutano ad affrontare in modo naturale i cambiamenti ormonali e mantenere la tua vitalità al meglio. Un rimedio che io consiglio agli uomini in fase di andropausa è il polline. Il polline fornisce all’organismo tantissimi nutrienti benefici, che danno forza e vigore al corpo e che inoltre sono molto utili per la buona salute della prostata.  E infatti il polline io lo consiglio anche in caso di ipertrofia prostatica benigna. Il polline riduce la dimensione e la congestione delle cellule prostatiche. Migliora il livello del flusso urinario, che è un disturbo tipico appunto dell’ipertrofia prostatica e anche del metabolismo legato alla produzione di DHT, cioè di didrotestosterone. L’unica cosa è che il polline non può essere usato in caso di allergie da polline dei fiori e in quel caso si userà un altro rimedio e adesso te ne presento altri.

Un altro rimedio indicato in andropausa è la maca andina. La maca andina agisce come tonico e ha anche capacità afrodisiache; favorisce la fertilità e il miglioramento delle prestazioni sessuali, quindi viene data anche a persone giovani in caso appunto di infertilità e in caso di problemi sessuali, ma in generale anche nell’uomo in andropausa è molto utile per mantenere una vitalità a livello sessuale.

Trascrizione del video per non udenti

Un altro rimedio consigliato in caso di andropausa è il ginkgo biloba. Questa pianta, il ginkgo biloba, è una pianta utilizzatissima in Europa e negli Stati Uniti e anche in tutte le tradizioni naturali è sempre stato considerato il rimedio della longevità. E infatti questa pianta, il ginkgo biloba, contiene degli antiossidanti molto potenti: i glicosidi ginkgo flavonici e i lattoni terpenici, che aiutano a proteggere le cellule dai danni dei radicali liberi, che sono alla base dell’invecchiamento cellulare i radicali liberi. Il ginkgo biloba è quindi particolarmente indicato in caso di invecchiamento cerebrale, causato da una riduzione di flusso sanguigno al cervello, con una poi riduzione della concentrazione, della memoria e della rapidità di reazione. Quindi il ginkgo biloba è un tonico, è proprio un rimedio per la longevità indicato in caso di andropausa.

Un altro prodotto è il tribulus terrestris. Questa pianta ha la caratteristica di stimolare la produzione degli ormoni androgeni: testosterone, didrotestosterone, LH, DHEA, DHEAS, aumentando anche la libido, la spermatogenesi e ha comunque un’azione benefica a livello della sfera sessuale.

Poi interessante è l’azione del trifoglio rosso. Sul trifoglio rosso voglio farti questo esempio: si è notato che assumendo 60 milligrammi al giorno di trifoglio rosso si ottiene una riduzione del colesterolo e dei trigliceridi oltre all’aumento della densità ossea, quindi in caso di osteoporosi. E il trifoglio rosso si usa sia nelle donne che negli uomini.

Negli uomini, inoltre, il trifoglio rosso svolge un’azione protettiva sulla prostata e di difesa delle arterie. Quindi, in pratica il trifoglio rosso funge un po’ da antiossidante, prevenendo i potenziali danni causati dai radicali liberi, che comunque aumentano con l’aumentare dell’età.

Azioni simili le ha la soia, però il trifoglio rosso, diversamente dalla soia, apporta non solo due isoflavoni, che sono sostanze tipiche sia della soia che del trifoglio rosso, ma ne apporta ben quattro. Quindi il trifoglio è una fonte molto ricca e molto pregiata di isoflavoni e proprio per questo motivo è facilmente digeribile e facilmente assimilabile dall’organismo rispetto appunto a fonti più note quali la soia.

Precauzioni da seguire con i rimedi naturali

Bene, ora, dopo averti dato delle informazioni su alcuni rimedi utili in caso di andropausa, voglio però darti delle precauzioni sui rimedi naturali.

Allora, qualsiasi rimedio tu decida di assumere, chiedi sempre il parere al tuo medico e specialmente se stai assumendo farmaci, perché qualsiasi rimedio naturale può avere delle interazioni con i farmaci, come anche tanti cibi succede che abbiano interazioni con i farmaci.

Inoltre considera che esistono dei prodotti multi – complessi che possono contenere più di un rimedio che io ho consigliato. Quindi magari in un solo prodotto si trova una composizione che contiene più rimedi, l’importante è che il prodotto sia sicuro ed accertato. Quindi che il prodotto abbia le giuste titolazioni di principi attivi, quindi che certifichi che ci siano i principi attivi in certe quantità e questo te lo può garantire soltanto la persona di fiducia, che sia un medico o farmacista, che ti prescrive la ditta che dovrai usare. Inoltre ricordati che è importante che tu acquisti da fonti sicure. E oggi  moltissime volte, durante per esempio le mie conferenze o durante i miei corsi, mi arrivano delle domande quali: “Dottoressa, io uso questa ditta, l’ho acquistata in internet”. E poi, andando ad osservare, mi rendo conto che sono ditte che non hanno nessuna certificazione, sono ditte che sono sconosciute e non si trovano magari nei canali di vendita classici e non si sa che cosa si va ad assumere.

Trascrizione del video per non udenti

Quindi puoi fare l’ordine sul web, ma di prodotti sicuri e che ti siano stati appunto consigliati da persone qualificate ed esperte. Sicuramente il medico o il farmacista o anche la parafarmacia o l’erboristeria qualificate ti possono dare informazioni corrette per evitare le problematiche di cui ti ho parlato.

La ginnastica intima


Problemi sessuali?
Problemi ginecologici?
Problemi urologici?
Risolvili con la
Ginnastica Intima

Bene, ora, dopo averti dato le informazioni sui rimedi naturali, ti voglio parlare di un altro intervento, che io considero importantissimo per l’uomo che si vuole mantenere sano, che vuole avere un vigore, che vuole evitare problemi di disfunzioni sessuali e si tratta della ginnastica pelvica o ginnastica intima. Questa ginnastica, che è molto semplice da fare, richiede anche poco tempo ed è fatta di esercizi che puoi davvero fare in tante condizioni, perché muovo una muscolatura che non si vede dall’esterno, quindi la puoi fare anche mentre fai dell’altro. E’ una ginnastica che va ad attivare il pavimento pelvico.

Questa ginnastica viene fatta davvero raramente, viene insegnata davvero raramente e credo talmente tanto nei benefici di questa ginnastica e li ho potuti osservare nelle persone, che appunto hanno seguito il mio metodo, che ho scritto un intero libro: “Ginnastica intima per donne”. Questo libro è rivolto alle donne, ma in realtà il mio metodo di ginnastica pelvica, Gymintima, è un metodo che ha esercizi sia per le donne ed esercizi sia per gli uomini. Ti voglio dare alcune nformazioni sui benefici della ginnastica pelvica.

Gli scopi e le indicazioni della ginnastica intima

Gli scopi e le indicazioni della ginnastica intima sono quelli di rendere forte e robusto il muscolo del pavimento pelvico, rafforzare le prestazioni sessuali, combattere l’eiaculazione precoce, affrontare i disturbi di erezione. Aiuta questa ginnastica in caso di disturbi della prostata, come ipertrofia prostatica benigna o prostatite, quindi infiammazione della ghiandola prostatica. È utile in caso di addome prominente, di incontinenza urinaria e di prolasso del retto ed emorroidi. Quindi hai visto che può servire veramente a tanto.

Considera che questa muscolatura, che qui puoi vedere dall’interno, è una muscolatura che fa da base ad organi molto importanti: organi genitali, prostata, gli organi genitali interni, ad una buona parte del sistema urinario e ad una buona parte dell’apparato intestinale, all’ultima parte. Quindi è una muscolatura che, se non è tonica, causa davvero tantissimi problemi. Ecco perché è importante tonificarla ma anche saperla rilassare. Tutta l’area del bacino viene stimolata molto beneficamente, viene rivitalizzata e si hanno benefici sul benessere, sulla salute appunto ginecologica, urinaria e via dicendo, appunto benefici di cui ti ho parlato. Sono esercizi che aiutano a mantenere al meglio la propria salute, il proprio benessere e il proprio vigore maschile.

Trascrizione del video per non udenti

Per conoscere i segreti della ginnastica del pavimento pelvico, vai a questo indirizzo web, lo trovi anche in descrizione. Avrai inoltre delle informazioni sul videocorso di ginnastica intima con gli esercizi specifici per il disturbo che vuoi affrontare oppure che vuoi prevenire.

Bene, per questo video è tutto. Se lo hai trovato utile, mi farà piacere se lo condividerai e mi farà anche piacere leggere i tuoi commenti, che potrai inserire qui sotto. Se non hai fatto ancora l’iscrizione al mio canale Youtube, ti invito a farlo in modo da poter ricevere i miei nuovi video e ti ringrazio se vorrai mettere il “mi piace” a questo video. A presto, ciao.

Commenta con Facebook o con la tua Email