Dolce ma Non Troppo…

Dolce ma Non Troppo…

«Com’è dolce!».
«Che carina! E’ tanto disponibile… ».
«Se le chiedi qualcosa, di sicuro ti dice sempre di sì…»

Ci sono donne che hanno fatto dell’amabilità la loro seconda pelle: indossano il sorriso condiscendente al mattino, per non toglierselo più fino a sera.
Ma quando arriva la notte le labbra tirate come elastici non ne vogliono più sapere. Il sorriso d’ordinanza si trasforma nella morsa dei denti digrignati, delle mascelle serrate e della bocca irrigidita e senza riposo. Se essere amabili è una bella cosa, la dolcezza non deve essere l’unico piatto della giornata.
Troppo zucchero rischia di alzare la glicemia e di portare il diabete nella vita.

Docilità, adattamento eccessivo, arrendevolezza, incapacità di imporsi sono un menù pericoloso per le donne: lo zucchero a velo dei “sì sì” ripetuti a oltranza toglie vita alla forza femminile. La psiche di queste donne non riconosce più altri sapori, non sa che esiste anche il salato, l’aspro, il piccante. Eppure certe volte è anche di quelli che abbiamo bisogno: ingurgitare solo zuccheri può farci ammalare.

Le donne devono imparare che la dolcezza va anche abbinata ai “no” ripetuti con fermezza, che essere docili e brave non è l’unico modo per esprimere la femminilità, che l’amabilità non è l’unica maniera per essere riconosciute apprezzabili.

Troppa dolcezza può portare lontane dalla propria anima e dai suoi bisogni e farci annegare in mare di zucchero…

Simona Oberhammer – La Via Femminile

Related Posts

Commenta con Facebook!