Io Posso Dire No

Io Posso Dire No

Essere brave, belle, simpatiche, adorabili, disponibili: per le donne sono priorità importanti. Che però hanno un alto prezzo: la disponibilità continua.
Dire si. A tutto e a tutti.

  • Ci sono donne che vorrebbero ritagliarsi tempi per stare in pace a far quello che amano ma li rimandano in nome di una legge interiore che recita: prima di tutto gli altri.
  • Ci sono donne che adorano sentirsi dire «Ma quanto sei simpatica!» senza accorgersi che quei complimenti spesso vengono pagati a caro prezzo.
  • Ci sono donne che donne che si nutrono di frasi del tipo: «Come sei gentile», «Che carina», «Su di te posso sempre contare», «Per fortuna che ci sei tu» senza accorgersi che l’attenzione degli altri spesso ha una contropartita dolorosa: la disattenzione verso se stesse.

E’ molto più facile piacere se siamo sempre disponibili. E’ un’assicurazione contro le critiche, un lasciapassare sicuro verso un giudizio buono da parte degli altri. «Lei è eccezionale »si dice quando una donna c’è. C’è per la famiglia, c’è per il datore di lavoro, c’è per i vicino di casa, c’è per il cane, il gatto… «Che brava!» dicono gli altri… peccato però che quella donna non c’è per se stessa. Peccato che i “si, si, si” ripetuti meccanicamente a tutti nascondano un “no” grande e profondo che si incide nella sua anima.

Ma per le donne è difficile dire “no”. E’ difficile perché vogliono essere amate. Perché vogliono essere sicure di ricevere affetto e apprezzamento. E in questo il “si” è un lasciapassare sicuro. Ma è anche una firma alla propria esclusione: è un abbandono di se stesse.
L’anima femminile si riempie di gelo.
Non basta fare felici gli altri. Bisogna anche fare felici se stesse. Non è vero che la felicità altrui basta. È una favola che è stata raccontata alle donne per renderle buone e accomodanti. Conta anche la propria felicità, contano i “si” cantati a se stesse, i sorrisi alle proprie passioni, l’accoglienza verso i propri desideri.

Ma bisogna mettere in previsione che dire “no” non è facile, perché le donne si sentono sbagliate quando lo fanno, troppo abituate a ripetere «si, si, non ti preoccupare ci penso io».
Ma bisogna assolutamente impararlo… Ci sono donne che percorrono i sentieri della loro vita con i “si si” come fossero un motore che le muove. Poi certe volte succede qualcosa: smettono di guardare fuori, solo verso gli altri.
Quando lo fanno all’inizio tante volte si arrabbiano: «Ma quanti “no” ho detto a me stessa, ma chi me l’ha fatto fare…». Poi qualcosa succede e i “no” iniziano a volteggiare con i “si” in una danza di equilibrio tra l’amore per gli altri e l’incontro con la propria anima…

Simona Oberhammer – La Via Femminile

Related Posts

Commenta con Facebook!